COME VISITARCI

Se siete interessati ad un nostro soggetto Vi consigliamo vivamente di Visitarci su appuntamento. Perchè consigliamo una visita? perchè, presso qualsiasi allevamento vogliate rivolgervi è bene:

  • Conoscere l’allevatore;
  • “Toccare” con mano la realtà dell’allevamento constatando che SIA un  allevamento e non UNA realtà “approssimativa”;
  • perchè NON è mai consigliabile acquistare a scatola chiusa, in fin dei conti un cane dura 10 anni e non è un OGGETTO!

Invitiamo, tuttavia, a tener presente che un allevamento non è un “museo” per cui, presso qualsiasi struttura vi rechiate, è bene che la Vostra visita non sia preceduta da altre fatte nella stessa giornate in altre reatà, ciò per semplici ma importantissimi motivi di igiene. Recandovi presso luoghi con ‘scarsa cura igenica’ potreste inconsapevolmente esssere portatori di malattie e mettereste in serio pericolo il luogo di visita successivo.

Dato i nostri impegni dovuti alla partecipazione alle manifestazioni ed all’addestramento dei soggetti giovani ed in carriera è bene fissare la visita per appuntamento; contattateci.

NON lasciateVi ingannare da quelle pubblicità in cui si citano esemplari di altri allevamenti (ovviamente molto noti) per promuovere la disponibilità di cuccioli. A nostro avviso, tali realtà sfruttano l’altrui nome per ‘Vendere’ dimostrando :

  • di non avere una linea genetica propria, in termini tecnici “OutBreeding” (scelta legittima ma in tal caso riteniamo di scarso significato zootecnico)
  • di far cani badando alla quantità e non curando la qualità (peggiore delle ipotesi).

Se desiderate un Setter della Bassana , fate un piccolo sacrificio e dedicate una mezza giornata programmando una visita presso la nostra sede; male che vada troverete un’ottima cucina nella ristorazione locale e una città storica (Mantova) da visitare!!

IL COSTO

Il costo di un cucciolo (NON il setter in particolare), mediamente non scende sotto la soglia dei 1000 euro a 60 giorni di età, con delle eccezioni in più o in meno per alcune razze (esempio alcune razze di piccola mole, alcune razze da caccia o alcune razze poco diffuse e non di “moda”, razze di “moda”, etc.). Le variabili che possono influenzare il prezzo sono sicuramente l’età, le caratteristiche morfologiche macroscopiche e l’albero genealogico. Queste sono pure indicazioni.
On-Line si può trovare di tutto, in un senso e nell’altro. 
Occorre sapere che:

  1. solo il 20% circa dei cani iscritti al Libro Genealogico italiano sono prodotti da Soci allevatori Enci;
  2. Socio allevatore Enci non significa automaticamente allevatore professionista tuttavia il primo ha sottoscritto un codice ETICO imposto dal Ministero MIPAAF e della SALUTE;
  3. tra gli allevatori ci sono coloro che producono professionalmente e coloro che lo fanno “amatorialmente”:
  1.  i primi sono soggetti ai controlli di tutte le autorità pubbliche;
  2.  i secondi no.
  • Tra i NON soci allevatori è possibile trovare allevatori professionisti, però è più facile trovare “commercianti” che:
  1. producono senza porsi lo scopo della selezione genetica;
  2. oppure, importano cani da paesi stranieri (in particolare dall’est Europa);
  3. oppure, in quanto “privati”, producono occasionalmente (quindi spesso in outbreeding cioè accoppiando soggetti di linee genealogiche diverse) e cedono inevitabilmente ciò che ritengono inferiore.
  • Partecipare coi propri soggetti in esposizioni e prove di lavoro ENCI significa sottoporre al giudizio terzo le qualità morfologiche e funzionali dei propri soggetti.
  • Allevando professionalmente e partecipando agli eventi cinofili ufficiali di cui sopra, si sottopongono i propri soggetti anche ai controlli antidoping e soprattutto al deposito del DNA al fine del controllo della parentela.

Diffidate di:

  • pedigree stranieri con microchip italiano (lo si può riconoscere dalle prime tre cifre: 380). Questi pedigree, soprattutto se recano nell’albero genealogico cani italiani, possono celare “truffe” relative alla correttezza della genealogia, alla corretta data di nascita;
  • di coloro che offrono cucciolate citando soggetti di altri allevatori presenti nell’albero genealogico. Significa che loro non selezionano. Producono solo quantità;
  • di coloro che non sono in grado di consegnare il cane unitamente al pedigree, CERTIFICATO DI ISCRIZIONE ALL’ANAGRAFE CANINA con relativa dichiarazione di cessione e libretto sanitario;
  • di coloro che non sottopongono i loro cani alle valutazioni morfo-funzionali (esposizioni e prove ENCI);
  • allevatori che non hanno riproduttori in sede.

Il costo di un cane in un allevamento professionale, Socio allevatore ENCI come il nostro, è determinato dai seguenti elementi:

  1. Mantenimento dei riproduttori in sede;
  2. Riproduttori addestrati e qualità funzionali (venatorie e caratteriali) testate;
  3. Tutti soggetti iscritti (pedigree ITALIANO);
  4. Tutti i soggetti ceduti con i relativi documenti ASL per carico/scarico;
  5. Tutti i soggetti ceduti almeno a 75/80 giorni di età (legge vieta prima dei 60);
  6. Veterinario di allevamento:
    • Tutti soggetti microchippati (registrati anagrafe canina Lombardia);
    • Controlli della salute standardizzati (con monitoraggio di alcune patologie trasmissibili);
    • Tutti i soggetti muniti di relativo libretto sanitario con vaccinazioni;
    • Deposito dei campioni biologici (DNA).
  7. Governo giornaliero delle strutture (pulizia e igiene);
  8. Controllo periodico del Servizio Veterinario Pubblico;
  9. Rispetto delle norme in materia di Sicurezza sul Lavoro;
  10. Attività iscritta CCIAA;
  11. Partecipazione alle competizioni Cinofile ufficiali nazionali ed internazionali.

La mancanza di questi elementi dovrebbe determinare un minor costo di acquisto; La mancanza si questi elementi identifica un allevamento di minore qualità.

Consigli
Visitate l’allevamento vedendo di persona i cani;
non valutate un cucciolo da una foto;